La raccolta delle uova

di Fausta Palmieri

La sera del Sabato Santo quattro – cinque uomini con un organetto o un’ armonica e con un “ panaro” giravano per le vie del paese e in campagna fino a notte inoltrata, per la raccolta delle uova che si regalavano come augurio di vita nuova. Si fermavano davanti alle case delle famiglie benestanti e cantando chiamavano il padrone:

“ Zi’ Rò la vuo’ sende ‘na canzona? “
“E canda “

(1) “Ecco ch’ è benuto Sapeto Sando,
ébbenuta Pasqua viramente
l ’aggio portato lo panaro vacando,
ova si me ne dai vindi o trenda.

(2) Sapeto Sando mio sapeto iusto
ébbenuta la nasceta de Cristo
chi se veve lo vino e chi lo musto,
nui acqua ne tenimo na remesta.

(3) Mo’ ch’ è fernuta Quaraiesema,
no lo facimo chiù lo seremone
spiccete a c’aia fane oi padrone
l’ ora è notte e nge ne sima ine.
A n’ ata parte sima i’ a candane
co totta questa combagnia
pecché ‘ngiaima ì’ a corcane
co’ bona grazia de vossignoria.

(4) Cantaturi qua manc’ acqua n’adduce
da re fenestredde non se vede luce
li cannaruni se so’ seccati ‘ndutto
nisciuno de vino ne porta ‘no gliutto.

(5) Sott’ a sta fonestra pare ca ‘nge cova
pare a s’ appiccia ‘na cannela
si ne daie doie vranghe d’ ova
‘pé ciend’ anni a zì Rocco e zì Carmela.
Ova no’ ne volimo nì trenda e nì quaranta
volimo la grazia vosta d’ assì quann’ andi.